Registrati  

   

Staff regionali  

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria

   

Utenti on-line  

Abbiamo 67 visitatori e nessun utente online

   

Il 5° Seminario nazionale a Vibo Valentia anziché a Pizzo

Per sopraggiunti problemi organizzativi il 5° Seminario nazionale sulle Indicazioni nazionali si svolgerà a Vibo Valentia anziché a Pizzo il 29 e 30 settembre 2015. Vai alla nota dell'USR Calabria. Vai agli altri documenti.

Tema del seminario “Le competenze tra apprendimento, misurazioni e certificazione: la parola alle scuole”.

Il Seminario è strutturato in alcune relazioni di approfondimento e otto laboratori centrati sui seguenti temi:  

Promuovere le competenze digitali a scuola
Le competenze digitali richiedono un setting scolastico tecnologicamente ricco ed integrato con una didattica quotidiana, che utilizza l’informatica o “l’educazione alle TIC” non come materia curriculare separata, ma come momento di confronto con la realtà e con le esperienze pregresse dei ragazzi.
Identità e differenze di genere nel curricolo
La presenza di un “curricolo scoperto” contrapposto ad un “curricolo nascosto” largamente sconosciuto, raramente discusso e spesso sottovalutato, anche per l'obiettiva difficoltà di farne oggetto di indagine esplicita, impone una riflessione critica su identità e differenza di genere nel contesto scolastico.
Indicatori per le competenze di cittadinanza
Confrontarsi su esperienze che promuovono la costruzione di ambienti di apprendimento tesi a sviluppare le competenze sociali e civiche degli alunni attraverso la condivisione di regole di comportamento e l’assegnazioni di ruoli e responsabilità deve costituire un esercizio utile per riflettere sull’individuazione di indicatori efficaci e pertinenti da inserire nel RAV.
Certificare le competenze degli alunni diversamente abili
Un sistema basato sul successo scolastico non può realizzare itinerari legati all’effettivo raggiungimento di un risultato diverso dal titolo di studio, e non consente ad ogni allievo di personalizzare il suo percorso formativo scegliendo le competenze da conseguire e come raggiungerle. Una scuola basata, invece, sul successo formativo realizza il pieno “diritto ad apprendere e alla crescita educativa” di tutti e  “riconosce e valorizza la diversità”.
Competenza, successo formativo e contrasto alla dispersione
In generale la valutazione, per come di solito praticata in classe, è aperta a varie critiche in termini di affidabilità e validità, spesso risulta essere ingiusta e può essere, essa stessa, causa di insuccesso scolastico. Al contrario valutare l'alunno in relazione alle competenze che egli padroneggia può essere uno “strumento” per far emergere le conquiste degli alunni in un modo molto più ampio rispetto al riduttivo microcosmo della classe.
Quali ambienti di apprendimento per promuovere le competenze
L’ambiente di apprendimento deve essere uno spazio che evoca un contesto aperto, ricco, fluido; deve essere il luogo delle esperienze di apprendimento, dell’apprendimento significativo, della riflessione, della condivisione, della costruzione. Esso deve fornire un “tessuto relazionale” all’interno del quale inserire gli atomi della conoscenza e sviluppare competenze attraverso il fare e il “movimento operoso” finalizzato ad uno scopo reale.
Unitarietà e continuità nel curricolo 3-16
Il curricolo verticale si configura come una mappa attrezzata di azioni finalizzata ad abilitare gli studenti ad una navigazione esperta all’interno di una molteplicità di forme di conoscenza e di esperienza, guidandoli  alla ricomposizione spazio-temporale dei saperi formali e non formali in quadri cognitivi generativi di nuovi e più consapevoli apprendimenti. In tale ottica, la costruzione delle competenze si delinea in una prospettiva che è insieme di continuità e discontinuità del curricolo 3-16, la sola capace di garantire deeper learning.
Confronto sulla sperimentazione del nuovo modello di certificazione delle competenze
Il confronto sui risultati delle prime sperimentazioni in atto sul modello di certificazione delle competenze vuole richiamare l’attenzione sulla tesi secondo la quale non è più sufficiente trasmettere  conoscenze, ma  bisogna assicurare ad alunni e studenti conoscenze abbinate a competenze espresse in termini di autonomia e responsabilità.  

Nella sezione dei documenti ufficiali è possibile scaricare le note e gli allegati relativi a questo importante appuntamento.

24-07-2015

   

Per problematiche tecniche sul sito scrivere a webmaster@indicazioninazionali.it

© indicazioninazionali.it